banner home page siae.png

Con il sostegno del MiBAC e di SIAE,

nell'ambito del programma "Per Chi Crea"

SF'S TOP TATTOO CONVENTION

applicazione loghi su sfondo chiaro rita
applicazione loghi comune ecc.png

10 - L' arte

tasto youtube.png

Matteo Amerighi, Cesare Biagianti,

Elisa Ferretti, Patrick Falciani,

Marta Giardi, Francesco Piccinini,

Leila Bellali, Matilde Di Ciocco, Noemi Senneca

« Per me l'arte è fantasia, allegria e vivacità, ma sopratutto colori, esistono solo colori belli »

L'arte.png
officine.jpg

Da oggi, fino alla fine del mese, la pagina facebook di Officine Social Movie offrirà un'importante occasione alle alunne e agli alunni impegnati nel progetto

"Così mi vedo / così mi racconto" per mostrare i cortometraggi da loro realizzati. Primo appuntamento oggi con "Il sogno dello spazio". Grazie a Officine della Cultura!

11 -30 agosto

09 - La mia passione più grande - secondo tempo

La mia passione più grande - secondo tempo.png

«Sono tanto legata alla danza anche pe il semplice motivo che io non sto mai ferma, o muovo le gambe o le braccia»

Stefania Bracciali, Sara Gargliarde, Marta Meioni, Victoria Meloni, Nocciolini Aurora, Mattia Generi, Sabina Benbari, Gabriele Ferretti, Riccardo Foianesi, Francesco Marchi, Matteo Procino, Federico Roncucci, Niccolò Tavarnesi, Davide Tribolini

tasto youtube.png

08 - La mia passione più grande - primo tempo

Pavel Vitrano, Noemi Roncucci,

Angelica Colella, Bruno Mazzoli,

Matilde Ciolfi, Giulia Guzzon

tasto youtube.png

«Quando pedalo mi sento libero e sembra che passino cinque minuti, invece sono passate ore »

La mia passione più grande - primo tempo.png

07 - La felicità

«Immagino che questa sia l'idea che vi siete fatti, anche solo per un momento, non dite di no,

mentireste solo a voi stessi »

Alice Bianciardi, Daniele Biscontri, Cindy Del Zonzo, Lorenzo Lucaroni, Sara Roggi, Caterina Romiti, Mattia Caparco, Leonardo Anatrella, Tommaso Comanducci, Ludovico Turchetti, Ben Bahri Nasim

La felicità.png
tasto youtube.png

06 - La mia zona rossa

La mia zona rossa.png

«Vedere i miei amici, risultati negativi, che si divertivano insieme mentre io sdraiat sul letto fissavo il soffitto, amplificava il mio dolore... »

Adrian Vlad Alban, Giulia Bastreghi, Sofia Casini, Tommaso Di Ianni, Irene Farina Cimmino, Alice Fieni, Sofia Innocenti, Alessandro Mazzeo, Ilaria Mencaroni, Daniele Sanna, Achille Tommassini, Francesco Uccelli

tasto youtube.png

05 - Il campione

Il campione.png

«E spera di riuscire a diventare un calciatore famoso, come fece suo nonno in passato, anche se crede che non sarà facile per le sue scarse doti calcistiche»

Brando Maria Beligni, Jacopo Chioccioli,

Gabriele Gargiulo

tasto youtube.png

Venerdì 25 giugno si è conclusa l'ultima fase del progetto

"Così mi vedo / Così mi racconto", laboratorio di scrittura cinematografica per la narrazione del sé attraverso il linguaggio audiovisivo, realizzato dall'Istituto Comprensivo "Rita Levi-Montalcini" di Lucignano, con il sostegno di MiBAC e SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea", in partenariato con il Comune di Lucignano e le associazioni Officine della Cultura di Arezzo e 8mmezzo di Livorno.
Gli alunni delle classi prime e seconde della scuola secondaria di primo grado di Lucignano e Marciano hanno lavorato con grande impegno per una settimana alla creazione di alcuni video attraverso i quali raccontare loro stessi: dalla scrittura di soggetti e sceneggiature alla lettura espressiva delle voci narranti, dalla realizzazione delle riprese alla messa a punto del montaggio finale.
Ringraziamo i genitori per la disponibilità, ma soprattutto i nostri tecnici , i montatori, gli interpreti, i registi, gli allestitori, gli operatori video, i ciakkisti, i segretari d'edizione, i trovarobe, gli archivisti... ovvero i ragazzi, senza i quali nulla sarebbe stato possibile.
Per la visione di questi e degli altri video realizzati durante la prima fase del progetto, vi diamo appuntamento oggi, 30 giugno, alle ore 18:30 sul canale youtube

 

Così mi vedo / Così mi racconto


Stay tuned!


@SIAE 
@MibacBeniCulturali
#PerChiCrea
#PCC

04 - La ragazza perfettina

La ragazza perfettina Miniatura sito.png

«Io posso sembrare la ragazza perfettina... in realtà cerco solo di fare la mia parte... »

Aurora Braconi, Chiara Leonardi,

Diego Mangioni, Mattia Rosadini

tasto youtube.png
tasto youtube.png

« Io un po'  me ne vergognavo,

perchè pensavo che i dinosauri

fossero una cosa da maschi »

Zukhruf Abdul, Alessio Bimbi,

Martina Palazzini, Melany Silvi

tasto youtube.png
Essere già grandi.png

03 - Essere già grandi

Camilla Guidi, Angela Meloni,

Angela Milo, Matilde Pieri

tasto youtube.png

«Anche io amo nuotare, perchè mi rilassa, soprattutto quando mi immergo

e metto tutta la testa sott'acqua

e mi sembra che non ci sia più nessuno oltre a me e il mare»

02 - Una giornata da ricordare

Una giornata da ricordare.png

«Fin da piccolo, avrò avuto cinque anni, mi sono appassionato allo spazio,

volevo diventare un astronauta

o lavorare per la NASA»

tasto youtube.png


Nicola Baccheschi, Luca Cusimano, Giada Ferretti,

Gabriele Leo, Francesca Limatola

 

01 - Il sogno dello spazio

Il sogno dello spazio SITO.png

21-25 giugno

foto fine progetto.png

Venerdì 25 giugno si è conclusa l'ultima fase del progetto "Così mi vedo / Così mi racconto", laboratorio di scrittura cinematografica per la narrazione del sé attraverso il linguaggio audiovisivo, realizzato dall'Istituto Comprensivo "Rita Levi-Montalcini" di Lucignano, con il sostegno di MiBAC e SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea", in partenariato con il Comune di Lucignano e le associazioni Officine della Cultura di Arezzo e 8mmezzo di Livorno.
Gli alunni delle classi prime e seconde della scuola secondaria di primo grado di Lucignano e Marciano hanno lavorato con grande impegno per una settimana alla creazione di alcuni video attraverso i quali raccontare loro stessi: dalla scrittura di soggetti e sceneggiature alla lettura espressiva delle voci narranti, dalla realizzazione delle riprese alla messa a punto del montaggio finale.
Ringraziamo i genitori per la disponibilità, ma soprattutto i nostri tecnici , i montatori, gli interpreti, i registi, gli allestitori, gli operatori video, i ciakkisti, i segretari d'edizione, i trovarobe, gli archivisti... ovvero i ragazzi, senza i quali nulla sarebbe stato possibile.
Per la visione di questi e degli altri video realizzati durante la prima fase del progetto, vi diamo appuntamento oggi, 30 giugno, alle ore 18:30 sul canale youtube

"Così mi vedo / Così mi racconto".
Stay tuned!

https://www.youtube.com/channel/UCs6tfgBMGuQ818dXsLARACw

Con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”

@SIAE
@MibacBeniCulturali
#PerChiCrea
#PCC
Inviato da iPhone

10 giugno

In Arte son Chisciotte

«Uno spettacolo bellissimo, perchè quello che racconta non è solo la storia,

ma qualcosa di più, qualcosa che parla anche di oggi.»

di Samuele Boncompagni

 

sfondo testi copia.png

Visione dello spettacolo in live streaming

produzione Officine della Cultura 2021

LOGO  officine della cultura2.png
sfondo high2.png

scrivere la storia con le immagini d'archivio

«C’era una volta, tanto, tanto tempo fa, in un paesino lontano, lontano, un bambino che tutti chiamavano Tubiolo. Tubiolo non era il suo vero nome: era chiamato così perché soffiava sempre in un tubicino e credeva di poter spostare le nuvole »

Tubiolo no pattone2.gif

Se siamo abituati a vedere i filmati d’archivio spesso impiegati nella realizzazione di documentari, in questo caso il regista Marco Bonfanti decide di allontanarsi in parte dalle trame di quella Storia scritta con la “s” maiuscola e di attingere alle pellicole dell’Archivio Luce e ri-intrecciarle per raccontare la storia di Tubiolo, che da piccolo zappatore, una volta cresciuto, lascia il paesino e si trasferisce in città per studiare da astronauta.Tubiolo e la Luna, di Marco Bonfanti, rappresenta uno dei nove capitoli nei quali si articola il 9x10 Novanta, progetto sviluppato nel 2014 in occasione dei 90 anni dell’Istituto Luce: per tracciare alcuni dei momenti più importanti della storia d’Italia sono stati coinvolti dieci registi nella rielaborazione delle pellicole conservate nello storico archivio.  

YouTube-Nuovo-Logo.png
link archivioluce.png

la ri-scrittura di una storia / la ri-scrittura di una vita


Avevo sempre vissuto nel benessere,
in una specie di illusione di serenità dove i problemi non esistevano,
ma già allora era come se sapessi
che non avrei mai trovato il mio posto nel mondo


Alina Marazzi, Un’ora sola ti vorrei (2002)



 

Il film di Alina Marazzi è come un viaggio intrapreso sulle tracce del cinema di famiglia alla ricerca dell’immagine della madre, scomparsa prematuramente quando la regista è ancora bambina.
Un’opera delicata, nella quale la tessitura delle pellicole girate dal nonno con i diari, le lettere e altro materiale biografico sembra offrire a Marazzi – e attraverso di lei, allo spettatore – l’occasione per sfiorarne il volto e incrociarne lo sguardo.

Le luci in sala si abbassano e, dopo i primi risolini da parte degli studenti all’ascolto della registrazione della voce di Liseli che con fare giocoso sgrida la figlia Alina che non vuole mangiare, cala il silenzio. Il giovane pubblico, toccato nella parte emozionale, si lascia rapire e condurre dalle immagini del passato.

01.png
05bis.png
02.png
03.png
04.png
06.png
07.png
08.png
immagine pellicole di ricordi_edited_edi
immagine pellicole di ricordi_edited_edited.jpg
immagine pellicole di ricordi_edited_edited.jpg

Il film amatoriale come messa in forma del sé


«Le collezioni di film amatoriali raccolgono generalmente una serie di episodi filmati della vita di un cinedilettante, della sua famiglia e del suo milieu socio-culturale . La quantità delle ore di girato varia a seconda della passione e delle possibilità economiche investite in questa attività, decisamente dispendiosa fino alla prima metà del Novecento, ma soprattutto segue gli andamenti, i ritmi e, se vogliamo, le stagioni dell’esistenza.»

 

Alice Cati, Pellicole di ricordi

25.09

Cortona onthemove.gif

23-25 settembre

il racconto
fotografico

La visita al Festival Internazionale di Fotografia Cortona On The Move ha permesso alle studentesse e agli studenti delle classi prime e seconde dell’I.C. “Rita Levi Montalcini” di Lucignano di osservare in che modo i vari fotografi coinvolti abbiano sviluppato i propri reportage attraverso l’immagine fotografica.A suscitare particolare interesse nei giovani visitatori sono stati gli scatti di Simon Norfolk, accolti nella mostra tematica dal titolo Crime Scene, che vede come “drammatici protagonisti” i ghiacciai in estinzione. La contrapposizione di immagini realizzate da Gideon Mendel, il quale ha ritratto le persone “immerse” nei loro paesaggi colpiti da inondazioni, con le fotografie trovate a galleggiare nell’acqua e recuperate dal fotografo stesso hanno affascinato gli alunni per l’immediatezza e l’efficacia narrativa della catastrofe. Estremamente toccante è risultato il lavoro di Ada Trillo: è davanti all’immagine di Maria Fernanda che molti studenti, e soprattutto studentesse, si sono fermati più a lungo, ad osservare una loro coetanea costretta a travestirsi da ragazzo per proteggersi durante il viaggio

Con il sostegno del MiBAC e di SIAE,

nell'ambito del programma "Per Chi Crea"

SF'S TOP TATTOO CONVENTION

applicazione loghi su sfondo chiaro rita
applicazione loghi comune ecc.png